app-storearea-applicatoriarea-privatiarea-produttoriarea-progettistiarea-rivenditoriarrow-downarrow-rightbackbookcalculatorclosecontrolsdownloademailenvelopeeyefilterflaggoogle-playlinklogo-fila-footerlogo-filalogo-recommendedmarkermateriali-esternomateriali-finituramateriali-internomateriali-lavaggiomateriali-manutenzionemateriali-pavimentomateriali-pretrattamentomateriali-protezionemateriali-rivestimentonewsletter-arrownewsletterpagenav-gridpagenav-nextpagenav-prevphone-filledphoneplayplusprintsearchshare-facebookshare-googleplusshare-linkedinshare-twittershareslider-arrow-leftslider-arrow-rightsocial-facebooksocial-flickr-bnsocial-flickrsocial-instagramsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-youtubetoolbar-apptoolbar-capitolatotoolbar-certificationstoolbar-downloadtoolbar-eyedroppertoolbar-product-safetytoolbar-product-sheettoolbar-product-techtoolbar-retailertoolbar-supporttoolbar-videotutorialupload-file
Come fare

Come avere un porfido rivitalizzato

Porfido trattatoDomenica scorsa ho approfittato dell’ulteriore, caldissimo weekend che questa estate ci sta regalando (e speriamo che continui a farlo!), per ultimare finalmente i lavori in corso nel mio piccolo ex-giardino, che già da qualche mese avevo trasformato in cortile, pavimentandolo con porfido grezzo.

Il materiale posato, infatti, non era ancora stato pulito a dovere tantomeno protetto. Sabato, dopo essermi equipaggiato con monospazzola e aspiraliquidi, e dopo aver rivestito la siepe con un nylon di protezione per evitare ulteriori danni alla natura (in fondo in fondo, siamo sempre Green!), ho effettuato il lavaggio acido con Deterdek.

Rimossi tutti i residui di fugatura, il porfido ha riacquistato il suo aspetto originario, brillante e ricco di sfumature (rosse naturalmente, ma anche grigie e gialle). Un bel risultato soprattutto per mia moglie che, non essendo del settore, non si sarebbe mai aspettata una differenza così visibile!

La sorpresa è stata poi raddoppiata domenica quando, dopo aver lasciato asciugare per bene il porfido, ho applicato con un pennello il protettivo antimacchia FilaFob. Già dopo un’ora ne ho testato l’assorbimento versando, sotto lo sguardo perplesso della mia scettica consorte (“ma non si vede niente!” diceva mentre stendevo il FilaFob…), dell’olio di oliva, e ottenendo un perfetto effetto-goccia!

Insomma doppia soddisfazione: cortile sistemato e moglie felice (e divertita: ha spruzzato acqua per i successivi tre giorni, mostrando a vicini e amici “cosa fanno i prodotti di Massimo”). Speriamo che con Fila sia sempre così! Vi aggiornerò sui miei futuri cantieri domestici.. 😉

Tags: DeterdekFilafoblavaggio porfidopavimento estrenoPorfidoProtezione porfidopulizia porfido

22 risposte a “Come avere un porfido rivitalizzato”

  1. dovrei pulire il porfido che dopo la posa mi e’ rimsto tutto bianco residuo delle stuccature in cemento e sabbia cosa posso utilizzare?grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *