app-storearea-applicatoriarea-privatiarea-produttoriarea-progettistiarea-rivenditoriarrow-downarrow-rightbackbookcalculatorclosecontrolsdownloademailenvelopeeyefilterflaggoogle-playlinklogo-fila-footerlogo-filalogo-recommendedmarkermateriali-esternomateriali-finituramateriali-internomateriali-lavaggiomateriali-manutenzionemateriali-pavimentomateriali-pretrattamentomateriali-protezionemateriali-rivestimentonewsletter-arrownewsletterpagenav-gridpagenav-nextpagenav-prevphone-filledphoneplayplusprintsearchshare-facebookshare-googleplusshare-linkedinshare-twittershareslider-arrow-leftslider-arrow-rightsocial-facebooksocial-flickr-bnsocial-flickrsocial-instagramsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-youtubetoolbar-apptoolbar-capitolatotoolbar-certificationstoolbar-downloadtoolbar-eyedroppertoolbar-product-safetytoolbar-product-sheettoolbar-product-techtoolbar-retailertoolbar-supporttoolbar-videotutorialupload-file
Come fare

Come avere un porfido rivitalizzato

Porfido trattatoDomenica scorsa ho approfittato dell’ulteriore, caldissimo weekend che questa estate ci sta regalando (e speriamo che continui a farlo!), per ultimare finalmente i lavori in corso nel mio piccolo ex-giardino, che già da qualche mese avevo trasformato in cortile, pavimentandolo con porfido grezzo.

Il materiale posato, infatti, non era ancora stato pulito a dovere tantomeno protetto. Sabato, dopo essermi equipaggiato con monospazzola e aspiraliquidi, e dopo aver rivestito la siepe con un nylon di protezione per evitare ulteriori danni alla natura (in fondo in fondo, siamo sempre Green!), ho effettuato il lavaggio acido con Deterdek.

Rimossi tutti i residui di fugatura, il porfido ha riacquistato il suo aspetto originario, brillante e ricco di sfumature (rosse naturalmente, ma anche grigie e gialle). Un bel risultato soprattutto per mia moglie che, non essendo del settore, non si sarebbe mai aspettata una differenza così visibile!

La sorpresa è stata poi raddoppiata domenica quando, dopo aver lasciato asciugare per bene il porfido, ho applicato con un pennello il protettivo antimacchia FilaFob. Già dopo un’ora ne ho testato l’assorbimento versando, sotto lo sguardo perplesso della mia scettica consorte (“ma non si vede niente!” diceva mentre stendevo il FilaFob…), dell’olio di oliva, e ottenendo un perfetto effetto-goccia!

Insomma doppia soddisfazione: cortile sistemato e moglie felice (e divertita: ha spruzzato acqua per i successivi tre giorni, mostrando a vicini e amici “cosa fanno i prodotti di Massimo”). Speriamo che con Fila sia sempre così! Vi aggiornerò sui miei futuri cantieri domestici.. 😉

Tags: DeterdekFilafoblavaggio porfidopavimento estrenoPorfidoProtezione porfidopulizia porfido

29 risposte a “Come avere un porfido rivitalizzato”

    1. Se il pavimento ha un aspetto disomogeneo e presenta impronte, aloni o macchie spesso visibili in controluce (dovute a caduta di acqua, vino, succo di frutta, vomito, pipì…) è probabile che sulla superficie sia presente un leggero film di sporco.

      È possibile che i prodotti per la pulizia utilizzati finora come ad esempio candeggina, ammoniaca, detergenti non neutri o detergenti ad effetto lucido, aceto od altro siano stati insufficienti a rimuovere lo sporco o abbiano lasciato un residuo creando una patina superficiale.

      In questo caso è necessario eseguire un lavaggio con il detergente sgrassante FILAPS87.

      1) Diluisci il prodotto in acqua in proporzione 1:5 (1 lt di prodotto in 5 litri d’acqua).

      2) Stendi la soluzione sulla superficie, pochi metri quadrati per volta.

      3) Lascia agire 4-5 minuti.

      4) Lavora la superficie con uno spazzolone, senza straccio sotto.

      5) Rimuovi i residui del lavaggio con aspiraliquidi o stracci o carta assorbente.

      6) Risciacqua infine abbondantemente con acqua pulita.

      NOTA BENE: il prodotto consigliato è idoneo per gres porcellanato resistente agli agenti chimici. Verificare preventivamente nella scheda tecnica del materiale.

      Per mantenere bello il tuo pavimento

      Fai una pulizia di mantenimento con FILACLEANER, detergente concentrato neutro. che non lascia residui.

      3 tappini di prodotto in 5 litri d’acqua basteranno a tenere pulito il tuo pavimento senza necessità di risciacquo

      NOTA BENE: Cliccando sul nome del/dei prodotto/i sopra indicato/i, accederà alla pagina del prodotto stesso. La invitiamo a leggerla con attenzione. Lì troverà tutte le indicazioni relative all’utilizzo del prodotto, la scheda tecnica e di sicurezza, al fine di effettuare correttamente il trattamento ed ottenere il risultato ottimale.

      Per trovare il rivenditore più vicino a Lei, clicchi su https://www.filasolutions.com/ita/rivenditori

  1. Salve mi chiamo Gaetano sto facendo a casa mia la posa di porfido alla stuccatura poi pulito con la spugna non è uscito abbastanza pulito bianco e in più la pietra è porosa e si ferma la boiacca nella pietra come mi potete indicare per togliere il tutto e mi resta pulita effetto bagnato? Grazie

    1. Per la pulizia dei residui di stucco cementizio dopoposa consigliamo un lavaggio con DETERDEK, diluito 1:5.
      1) Utilizzare DETERDEK diluito in proporzione 1:5 (1 litro di prodotto in 5 litri d’acqua).

      2) Stendere la soluzione sulla superficie, pochi metri quadrati per volta.

      3) Lasciare agire 2-3 minuti.

      4) Lavorare la superficie con uno spazzolone, senza straccio sotto o con monospazzola minita di disco verde.

      5) Raccogliere i residui del lavaggio con aspiraliquidi o stracci o carta assorbente.

      6) Risciacquare bene.

      Come protettivo idro-oleorepellente ravvivante consigliamo una o più mani di FILASTONEPLUS.
      Applicazione:
      1. Applicare FILASTONE PLUS su materiale asciutto e pulito, con un pennello, una spugna o un altro applicatore.

      2. Massaggiare durante l’applicazione con una spugna o un panno in modo da aiutare la penetrazione del prodotto e rimuovere completamente l’eccesso.

      3. Dopo circa otto ore la superficie è calpestabile.

      4. Per ottenere una maggiore tonalizzazione, applicare più mani di prodotto ad almeno 8 ore una dall’altra.

      Attenzione: Una volta trattata con FILASTONE PLUS, la pietra non può essere riportata allo stato originale: verificare su una piccola porzione l’effetto tonalizzante. Su alcuni materiali posati esternamente si consiglia di riapplicare il prodotto annualmente per mantenere ottimale l’effetto estetico ravvivante. Non protegge il marmo e le pietre calcare dalle aggressioni acide. Non applicare il prodotto all’esterno nel caso sia prevista pioggia.

      Per la manutenzione consigliamo: FILACLEANER

      Applicazione:

      Per l’ordinaria manutenzione: diluizione 1:200 (25 ml in 5 litri d’acqua). Non occorre risciacquo.

      Per gli sporchi più tenaci eseguire il lavaggio con soluzioni più concentrate facendolo seguire da opportuno risciacquo.

      Diluire FILACLEANER 1:30 e stenderlo sul pavimento con spazzolone o monospazzola con disco morbido. Raccogliere il residuo con stracci o aspiraliquidi. Risciacquare alla fine.

      NOTA BENE: Cliccando sul nome del/dei prodotto/i sopra indicato/i, accederà alla pagina del prodotto stesso. La invitiamo a leggerla con attenzione. Lì troverà tutte le indicazioni relative all’utilizzo del prodotto, la scheda tecnica e di sicurezza, al fine di effettuare correttamente il trattamento ed ottenere il risultato ottimale.

    2. Per la pulizia dei residui di stucco cementizio dopoposa consigliamo un lavaggio con DETERDEK, diluito 1:5.
      1) Utilizzare DETERDEK diluito in proporzione 1:5 (1 litro di prodotto in 5 litri d’acqua).

      2) Stendere la soluzione sulla superficie, pochi metri quadrati per volta.

      3) Lasciare agire 2-3 minuti.

      4) Lavorare la superficie con uno spazzolone, senza straccio sotto o con monospazzola minita di disco verde.

      5) Raccogliere i residui del lavaggio con aspiraliquidi o stracci o carta assorbente.

      6) Risciacquare bene.

      Come protettivo idro-oleorepellente ravvivante consigliamo una o più mani di FILASTONEPLUS.
      Applicazione:
      1. Applicare FILASTONE PLUS su materiale asciutto e pulito, con un pennello, una spugna o un altro applicatore.

      2. Massaggiare durante l’applicazione con una spugna o un panno in modo da aiutare la penetrazione del prodotto e rimuovere completamente l’eccesso.

      3. Dopo circa otto ore la superficie è calpestabile.

      4. Per ottenere una maggiore tonalizzazione, applicare più mani di prodotto ad almeno 8 ore una dall’altra.

      Attenzione: Una volta trattata con FILASTONE PLUS, la pietra non può essere riportata allo stato originale: verificare su una piccola porzione l’effetto tonalizzante. Su alcuni materiali posati esternamente si consiglia di riapplicare il prodotto annualmente per mantenere ottimale l’effetto estetico ravvivante. Non protegge il marmo e le pietre calcare dalle aggressioni acide. Non applicare il prodotto all’esterno nel caso sia prevista pioggia.

      Per la manutenzione consigliamo: FILACLEANER

      Applicazione:

      Per l’ordinaria manutenzione: diluizione 1:200 (25 ml in 5 litri d’acqua). Non occorre risciacquo.

      Per gli sporchi più tenaci eseguire il lavaggio con soluzioni più concentrate facendolo seguire da opportuno risciacquo.

      Diluire FILACLEANER 1:30 e stenderlo sul pavimento con spazzolone o monospazzola con disco morbido. Raccogliere il residuo con stracci o aspiraliquidi. Risciacquare alla fine.

      NOTA BENE: Cliccando sul nome del/dei prodotto/i sopra indicato/i, accederà alla pagina del prodotto stesso. La invitiamo a leggerla con attenzione. Lì troverà tutte le indicazioni relative all’utilizzo del prodotto, la scheda tecnica e di sicurezza, al fine di effettuare correttamente il trattamento ed ottenere il risultato ottimale.

  2. Buonasera, dovrei togliere uno strato di calcare abbastanza spesso e datato, dal porfido che riveste il pozzo. Mi sapreste consigliare un buon prodotto… ho già fatto diversi tentativi ma senza riuscirci. Grazie.

    1. Buongiorno,
      Per la pulizia contro il calcare del porfido puoi procedere con il disincrostante DETERDEK (diluito 1:10)
      Consiglieremmo poi una successiva protezione con l’idrorepellente HYDROREP, oppure con l’antimacchia FILAFOB, quest’ultimo indicato nel caso di rischio macchie oleose.
      Rimaniamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
      Saluti,
      Chiara

  3. dovrei pulire il porfido che dopo la posa mi e’ rimsto tutto bianco residuo delle stuccature in cemento e sabbia cosa posso utilizzare?grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *